Nelle prossime ore nubi e piogge in arrivo sul sud Italia. Da domenica 16 ottobre sole ovunque
Situazione ancora piuttosto bloccata sull’intero scenario meteo climatico europeo con anticiclone euro atlantico ancora a dettar legge un po’ ovunque tanto che il passaggio delle perturbazioni atlantiche avviene con il “contagocce”, in un periodo autunnale in cui dovrebbe essere il contrario. Nonostante ciò, comunque, l’evoluzione atmosferica sull’Italia presenta una particolare vivacità, generalizzata per quanto riguarda il campo termico, circoscritta alle regioni meridionali e parte di quelle centrali in ambito pluviometrico.
Dopo l’allontanamento ad oriente del sistema depressionario che, alimentato da aria artica, ha interessato l’Italia durante l’ultimo fine settimana, l’anticiclone è tornato ad espandersi da occidente sopra il bacino centrale del mar Mediterraneo. Conseguentemente sull’Italia il cielo è tornato sereno o poco nuvoloso con scarsa ventilazione e notevole soleggiamento che hanno contribuito non poco ad una rapida risalita delle temperature fin su valori nuovamente ben superiori alle medie del periodo.
Nelle prossime ore comunque, l’anticiclone atlantico si espanderà verso nord ritirandosi dal bacino centrale del mar Mediterraneo, ciò permetterà ad un sostanzioso flusso di correnti fredde di origine artica di spingersi fin sull’Europa orientale ed i Balcani. In parte l’aria fredda riuscirà ad attraversare il mar Adriatico, raggiungerà i mari occidentali italiani ed interagendo con aria ben più calda ed umida afro mediterranea darà luogo alla formazione di un nuovo sistema depressionario centrato sopra il mar Tirreno meridionale. Nubi, piogge e temporali interesseranno prevalentemente le regioni meridionali, mentre sulle regioni centrali solo un temporaneo aumento della nuvolosità con qualche locale precipitazione. Poche nubi e prevalenza di sole sulle regioni settentrionali ancora ben protette dalla circolazione anticiclonica euro atlantica.
Image La bassa pressione si muoverà lentamente verso sud indebolendosi in maniera significativa solo a partire dalla giornata di sabato 15 ottobre quando l’anticiclone dal nord Italia avanzerà verso le regioni meridionali dove favorirà un significativo miglioramento atmosferico. Le temperature subiranno un sostanzioso calo tra venerdì 14 e sabato 15 ottobre con sensazione di freddo acuita da venti nord orientali moderati o forti.
In Appennino nubi in aumento già nelle prossime ore ma con reale rischio pioggia solo sui settori centrali. Domani venerdì 14 ottobre invece, sereno o poco nuvoloso sull’Appennino settentrionale, poche nubi anche sull’Appennino centrale con residua nuvolosità soprattutto sui settori abruzzesi dove comunque il rischio pioggia risulterà scarso. Condizioni atmosferiche perturbate sull’Appennino meridionale con molte nubi, piogge e temporali. Sabato 15 ottobre sereno o poco nuvoloso sui settori centro settentrionali della dorsale appenninica, ancora molte nubi e residue piogge al primo mattino sui settori meridionali dove comunque migliorerà sensibilmente nel corso della giornata. Temperature in notevole calo con venti moderati o forti nord orientali in attenuazione dalla serata di sabato 15b ottobre ad iniziare dall’Appennino settentrionale.
Tra domenica 16 e martedì 18 ottobre ulteriore affermazione dell’anticiclone su tutto il territorio italiano con conseguente presenza di cielo sereno o poco nuvoloso ovunque e temperature in aumento. Probabile arrivo sull’Italia di una perturbazione atlantica durante la seconda parte della prossima settimana.